Search
  • bioMIMESIS design

Design biofilico, Città e Campi biofilici

un modello olistico per non estinguerci…


La biofilia è “l'intrinseca propensione umana ad affiliarsi con la natura" (Kellert & Calabrese 2015: 3)

La biofilia sostiene la proposta secondo cui gli ambienti urbani devono essere integrati con la "natura" per motivi di salute psicologica e di adattamento ambientale: un numero crescente di studi scientifici indica che gli esseri umani hanno bisogno del contatto quotidiano con la natura per essere produttivi e sani, si sono evoluti come parte della natura e sono interdipendenti e interconnessi con essa e con altre forme di vita (Beatley, 2011).

Come rendere le nostre città e i nostri territori più sani, accoglienti e più ospitali in un pianeta a rischio di catastrofi ambientali e epidemie? Come convivere in una condizione crescente di etnie, culture e bisogni? Oggigiorno è estremamente urgente concentrarsi sul miglioramento della qualità dei quartieri con spazi aperti e verdi dove le persone possono camminare, interagire e connettersi, con adeguate misure di sicurezza, per migliorare le loro condizioni fisiche e mentali. L'obiettivo finale di politici, cittadini e degli abitanti delle aree soggette a incendi o inondazioni, dovrebbe essere quello di migliorare la resilienza della comunità.


"Più il nostro mondo funziona come il mondo naturale, più possibilità abbiamo di sopravvivere in questa casa che è nostra, ma non solo nostra" ~ J.Benyus.

A BioMIMESIS design abbiamo messo in pratica l'ipotesi della biofilia su scala urbana e peri-urbana, proponendo un nuovo modello di "comunità resiliente" che integra elementi biofilici (insieme ai principi di biomimetica e permacultura).

Comprendendo come funzionano i sistemi naturali, come tutte le cose sono correlate e interdipendenti e come interagiscono tra loro, possiamo creare "Sistemi urbani persuasivi", (Stibe, A. and Larson, K., 2016), che riflettono le proprietà dei sistemi naturali - sostenibili, energicamente efficienti, armoniosi e positivi. Siamo in grado di progettare sistemi di produzione alimentare, comunità intenzionali, aziende bio-ispirate o qualsiasi altro sistema umano in modo più sostenibile. Inoltre, e' ora riconosciuto dai governi di tutto il mondo che creare legami forti e un sostegno reciproco tra le aree rurali e urbane è la chiave per raggiungere uno sviluppo intelligente, circolare e inclusivo per un mondo sostenibile.

bioMIMESIS design è uno studio e start-up innovativa incentrata sullo sviluppo di “Living Lab" (e.coCamps) basati su comunità, sistemi abitativi e di mobilità che emulano la vita stessa salvaguardando il territorio e l'ambiente. Facendo riferimento ai principi biologici ed ecologici, il progetto “freeDOME” è finalizzato alla riqualificazione e al collegamento di spazi urbani, peri-urbani e/o rurali sottoutilizzati, attraverso un sistema intelligente integrato che si basa su Pods e Campus autonomi in cui le persone possono connettersi e condividere, coltivare il proprio cibo e sviluppare un nuovo stile di vita più inclusivo, sano, attivo e sostenibile. Questo sistema ridurrà il traffico da e verso i centri urbani, il consumo di carburante, acqua, energia e suolo, quindi la nostra impronta ambientale. Il progetto opera su due fronti per promuovere una dimensione tecnologica sostenibile verso un modello di habitat non fragile e integrato:


- Tramite lo sviluppo di un "bioPod" completamente autosufficiente (una soluzione di mobilità lenta e intelligente sotto forma di un ‘bioGuscio’ di vita e lavoro per i millennial e “nuovi nomadi", completamente off-grid ed in grado di produrre la propria energia, a supporto di uno stile di vita flessibile e altamente integrato e connesso). I gusci, definiti “freeDOME bio(mimetic)Pods”, funzioneranno come una soluzione intelligente e verde per l'alloggio, il lavoro e il pendolarismo, facilitando la mobilità interna e l'integrazione sostenibile tra persone, habitat naturali e umani.



freeDOME biopod. C 2015 Serena Fiorelli

- Attraverso la definizione di un progetto pilota integrato, adattabile e scalabile "FreeDOME bio(Philic)Camp" come nuova soluzione per il recupero ecologico e sociale di zone urbane, suburbane o rurali altrimenti abbandonate, fragili o sottoutilizzate, in modo resiliente, flessibile e inclusivo e il loro collegamento in rete. I campus serviranno come “fattorie autosufficienti” per ospitare i pod autonomi e si distingueranno per la loro elevata connettività, accessibilità e caratteristiche rispettose dell’ambiente.. Per un collegamento urbano-rurale, immaginiamo 2 diversi modelli di Camps: gli “Agri-camps" rappresenteranno "hubs a cielo aperto" in cui gli individui, attraverso il loro "bio-guscio", saranno in grado di lavorare o studiare a distanza, riducendo il traffico e le emissioni e allo stesso tempo impareranno ad essere autosufficienti collaborando con l'ecosistema. Gli "Urban camps", visti come quartieri di condivisione più intelligenti per la vita dei millennial del 21 ° secolo, sono anche considerati come nuovi motori di trasformazione urbana, che renderanno una nuova cultura dell'uso del territorio e della gentrificazione per fondersi perfettamente all'interno del denso tessuto urbano. Agendo come motori per PED (distretti energetici positivi), dovrebbero essere posizionati a 20 minuti di distanza a piedi ed essere collegati con i campi suburbani e rurali attraverso greenway o "corridoi ecologici” per biciclette e pod.


"FreeDOME è un progetto olistico che attraverso principi ecologici e biologici emula la natura e le antiche civiltà per spostare il nostro impatto da distruttivo a rigenerativo. Il bioCamp è un "Living Lab" semi-naomade dove i giovani adulti, in sinergia tra loro e con la natura, imparano a vivere in modo più sostenibile, sano e connesso, proteggendo nel contempo l’ambiente.”


freeDOME bioPHILIC urban camp. Rendering: High Park, Toronto. C 2015 Serena Fiorelli

In questo moderno mondo digitale, in cui tutte le attività si muovono online e richiede meno spazio, "freeDOME è il luogo in cui natura e umanità coesistono in armonia attraverso un uso più intelligente della tecnologia".


La ricerca e il progetto sono stati sviluppati tra l'Italia, dove il design automobilistico e il design "Made in Italy" in generale hanno rappresentato l'identità nazionale dell’ultimo secolo, e l'Australia, dove la cultura aborigena semi nomade, il loro rapporto con la terra e il territorio esteso e selvaggio, favoriscono perfettamente l'ipotesi di nuove forme di "comunità semi nomadi e resilienti”.


‘occorre fare un passo indietro per progredire, domani 'sarà meno.'


Serena Fiorelli - BioMIMESIS Design


(qui l'intero articolo: https://e2ca8fd4-8120-4cf4-81a2-0e6c55ab1ee2.usrfiles.com/ugd/e2ca8f_57f09bf1973440019266ef712fed19c8.pdf)




https://www.biomimesisdesign.com

50 views

  © 2020 by SERENA FIORELLI

Website Terms | Privacy Policy | Conditions | © Copyright 2020. All Rights Reserved.

Disclaimer: The information contained in this website is for general information purposes only. The information is provided by Biomimesis design and while we endeavour to keep the information up to date and correct, we make no representations or warranties of any kind, express or implied, about the completeness, accuracy, reliability, suitability or availability with respect to the website or the information, products, services, or related graphics contained on the website for any purpose. Thanks for stopping by to show your interest in Biomimesi's design work..